Monday, August 13, 2007

Sig.ra Maestra Io non ci vedo una Mazza

Oggi è stata una giornata particolare, durante la quale ho avuto modo di seguire da vicino un atleta non vedente. Suleiman è cieco da quando aveva 17 anni ma non è certo il tipo da farne un dramma. Da anni fa parte di un corpo di ballo, ogni settimana va in palestra, lavora come assistente sociale con homeless e tossicodipendenti (praticamente è lui che va nella case a menarla è lui quello che aiuta), da qualche tempo si ostina a voler giocare a golf (si golf e prendere la pallina con la mazza senza vedere una mazza non è esattamente una passeggiata) e l'anno scorso ha persino corso la maratona di New York con tutte le buche e le strade dissestate. Così stamattina sono stato con lui al campo da Golf a Chelsea, poi in palestra a fare spinning, poi a lezione di danza e poi su a casa sua a Whashington Heights a colazione, a pranzo in taxi in metro, in ascensore, negli spogliatoi. La cosa incredibile al di là del suo personale entusiasmo e del suo carisima è come sia in grado di utilizzare la memoria e il cervello per ricordare e gestire le informazioni raccolte attraverso gli altri affilatissimi sensi, quelli che gli funzionano bene, per capirci. Più osservavo il suo metodo e più mi pareva di andare in giro con il cervello in stand by, completamente vuoto; cazzo tra un po' ci metteva sotto a tutti tanto era sveglio, ad un certo punto mi ha addirittura detto "ti è caduto il telefono" e in effetti il rumore corrispondeva esattamente. Insomma senza retorica, grande lezione oggi, davvero una giornata istruttiva, anche se il tema se lo è mangiato il gatto di Suleiman, signora maestra.

1 Comments:

Anonymous Anonymous said...

http://tv.repubblica.it/home_page.php?playmode=player&cont_id=12215&fromplayer=12215&stream=video&showtab=Copertina

August 23, 2007 1:31 AM  

Post a Comment

Links to this post:

Create a Link

<< Home